Conoscere le cause per risolvere i sintomi

Pubblicato il Pubblicato in blog

Per sapere cosa fare occorre conoscere.

Conoscere quali siano state le cause che hanno portato alla comparsa dei sintomi.

Il nostro corpo fa di tutto per mantenersi sano. Abbiamo affidato questi compiti al microbiota intestinale, un esercito 10 volte più numeroso di noi. Molti ceppi batterici, tra cui quelli a cui abbiamo affidato i compiti più importanti, sono anaerobi, quindi sono fortemente motivati a non abbandonarci, in quanto non sopravvivono in ambienti ricchi di ossigeno.

Solo conoscendo il proprio corpo, i suoi limiti, le sue vulnerabilità, possiamo agire nel modo corretto.

Il nostro microbiota intestinale è li che freme per ripristinare uno stato di salute in quanto corrisponde anche alla loro sopravvivenza. Anche i ceppi batterici soggiaciono allo stimolo della sopravvivenza

Nell’antica Cina i medici erano pagati per mantenere la salute, i pazienti andavano dal medico 2-3 volte all’anno e lo pagavano per i consigli sulla dieta o stili di vita. Se si ammalavano, allora era il medico che andava da loro, ma non veniva pagato, in quanto considerato un intervento di emergenza causato da una scarsa prevenzione. Nessuno andava da medici che avessero molti pazienti ammalati.

Oggi con le conoscenze che abbiamo potremo accendere i riflettori non su chi guarisce miracolosamente da un tumore, ma su chi si ammala o non riesce a guarire.

Quanti sono i miracolati? tanti, più di quello che immaginate.

In ogni studio clinico controllato un certo numero di pazienti guarisce con il placebo (non farmaco), nelle patologie neurologiche sono in media un 30%. Una meta-analisi sull’artrite reumatoide riporta che nel sottogruppo di pazienti con pregresse risposte al farmaco, quindi ben disposti, la risposta al placebo arriva all’83% dei casi. Nel trapianto cerebrale di neuroni dopaminergici, per il Parkinson, è riportata una risposta al placebo, che è l’intervento simulato!!! Se invece di portare il paziente in sala operatoria, di indossare camici verdi e mascherine, i medici avessero semplicemente imposto le mani, avremo parlato di magia, non di effetto placebo. Anche chi risponde al placebo, intervento chirurgico simulato, produce più dopamina.

Coloro che rispondono al placebo (pensate quanti sono!!!!) dimostrano che non esiste solo il farmaco, dimostrano che abbiamo potenti meccanismi endogeni di guarigione, che poi sono quelli preposti a mantenerci sani.

Il problema oggi non sono le conoscenze, sappiamo molto su come funziona il nostro corpo, solo che ci sforziamo di non applicarle.